L’imprevedibile follia dell’epoca moderna

Nella sua imprevedibile follia, tra contraddizioni di ogni tipo, conflitti, ambiguità e controsensi, è indubbio che l’epoca moderna porti con sé anche molti aspetti positivi e opportunità.

In un simile contesto, siamo assolutamente consapevoli che cercare di generalizzare come ognuno di noi scelga di vivere la propria vita sia pressoché impossibile. Però, possiamo cercare di identificare e descrivere alcune tendenze che in diversa misura sono presenti nell’esistenza di molti di noi.

Qualche esempio?

Parliamo, per esempio, di ritmi di vita altissimi, che spesso ci portano a correre una lunga maratona senza fine. Di vite che sembrano scorrere alla velocità della luce, mentre siamo sottoposti a continue forme di stress in diversi ambiti: privato, familiare e lavorativo. Parliamo della difficoltà che molti di noi hanno ormai ad ascoltare e ascoltarsi, a riconoscere le proprie e altrui emozioni. Così come ci riferiamo a quella sensazione di confusione e incertezza, che in particolare negli ultimi due anni si è diffusa a macchia d’olio, magari accompagnata anche da un certo senso di pesantezza fisica e mentale.

Una soluzione a portata di mano

Queste sono alcune delle situazioni che in questo particolare momento storico sembrano essere più diffuse e che noi spesso riscontriamo parlando con le persone. E la cosa incredibile è che la soluzione a molti di questi problemi (se non tutti) potrebbe essere davvero a portata di mano.

Come i professionisti dello Yoga, della Mindfulness e di tante altre arti e discipline ripetono instancabilmente ormai da anni, sarebbe sufficiente (almeno per iniziare) dedicarsi a coltivare uno stato di presenza consapevole in ogni momento della propria vita.

Sì, proprio di questo stiamo parlando, dell’essere presenti a se stessi, in ogni istante, mentre si vive la propria quotidianità.

Una mission impossible

E come può essere semplicemente questa la soluzione, o almeno l’inizio di un percorso che può aiutarci a risolvere i nostri problemi? D’altronde, stiamo dicendo di essere presenti a noi stessi, dovrebbe essere una cosa scontata, giusto?

Eppure, non è così. Anzi, sembra essere davvero una mission impossible. E questo anche quando spendiamo decine, se non centinaia o migliaia di Euro per corsi, meditazioni guidate, lezioni private, o altro. Perché poi, una volta che ci rituffiamo nel flusso della nostra vita, puff la magia svanisce e tutto torna ad essere come prima, esattamente come la carrozza di Cenerentola.

Un alleato prezioso

Ecco però, che a questo punto arriva in nostro soccorso un alleato prezioso: la Natura e in particolare, per quel che ci riguarda, i boschi. Sì, perché questi luoghi rappresentano un potente facilitatore per sperimentare e allenarsi a mantenere l’attenzione sul respiro, aprirsi all’ascolto e vivere in uno stato di presenza consapevole.

Espandendo la propria percezione sensoriale e lasciandosi ispirare dalla Natura, è davvero possibile spostare il focus dal flusso dei propri pensieri e imparare a stare nel momento presente. È veramente possibile tornare a meravigliarsi della bellezza che c’è dentro e fuori di noi. È anche possibile dare di nuovo spazio a quella parte di noi che sa cosa significhi essere presente e in armonia con la Natura. Quella parte che è in grado di fondersi con tutto ciò che la circonda. E più impara a farlo e più sarà portata a farlo. Sempre di più, sempre di più, sempre di più.

Un vero e proprio allenamento

È un vero e proprio allenamento, attraverso cui è possibile acquisire nuova consapevolezza, che poi possiamo portare con noi nella nostra quotidianità. Questo perché è un’esperienza che abbiamo vissuto e sperimentato in prima persona. Non dipendiamo più da niente e nessuno. Adesso, è un qualcosa che sappiamo fare perché lo abbiamo imparato e finalmente ci appartiene.

Esattamente come quando abbiamo imparato a camminare e la nostra vita è cambiata per sempre.

 

Il Team di Forest Bathing Liguria