Un angolo di Paradiso

Nel cuore del Parco dell’Aveto, ai piedi del Monte Aiona, esiste un vero e proprio angolo di Paradiso. Stiamo parlando di Pratomollo, un’enorme distesa di prato verde a oltre 1.500 metri sul livello del mare, circondata da una meravigliosa faggeta e dalla quale è possibile godere di una vista davvero mozzafiato.

Un luogo capace di portarti in una realtà parallela, non solo per la sua incredibile bellezza ed energia, ma anche perché fisicamente separato dalla “civiltà”: dall’ultima abitazione prima di iniziare a salire verso Pratomollo, infatti, ci sono circa una ventina di minuti di strada sterrata da percorrere che, seppur carrabile, per molti rappresenta un deterrente. Per noi, invece, è come se fosse un confine immaginario tra la nostra quotidianità e un luogo magico, in cui è possibile rallentare al ritmo della Natura e aprirsi completamente all’ascolto.

 
La Pietra Borghese

A Pratomollo si erge la maestosa “Pietra Borghese”, una delle rocce più antiche d’Italia con i suoi oltre 2,5 miliardi di anni, proveniente dalle profondità della Terra: un gioiello geologico, protagonista di curiose teorie e storie locali, composto principalmente da Lherzolite, roccia magmatica solidificata all’interno della crosta terrestre.

Per noi un elemento naturale preziosissimo, con cui è possibile darsi l’intenzione di entrare in relazione attraverso la nostra parte più antica e saggia: chissà quante cose avrà da raccontare una roccia di oltre 2,5 miliardi di anni, proveniente da oltre 30 km di profondità?!

 
Altre particolarità

Ma Pratomollo è una location interessante anche da un punto di vista archeologico: le tracce dei primi insediamenti risalgono a oltre 3-4 mila anni fa, quando nell’età del rame/bronzo ripetuti incendi controllati furono presumibilmente appicati dalla popolazione locale per ricavare dei pascoli, laddove in orgine sorgeva una foresta di abete bianco.

Da queste ripetute operazioni di bonifica probabilmente si deve anche la caratteristica morbidezza del terreno (dal quale deriva il nome “Pratomollo”), che nel periodo invernale si popola di innumerevoli rigagnoli e pozze d’acqua.

E ancora oggi, a distanza di migliaia di anni, su questo sterminato prato verde strappato al bosco è possibile incontrare al pascolo sia i famigerati cavalli selvaggi dell’Aveto, che piccole mandrie bovine di allevatori locali.

 
Luogo ideale per i nostri laboratori esperienziali

Per queste e altre ragioni, Pratomollo è un luogo davvero ideale per i nostri laboratori esperienziali di connessione con la Natura. Un luogo in cui poter finalmente rallentare, entrare in armonia con il ritmo della Natura e aprirsi all’ascolto. Spalancare i sensi e dedicarsi al momento presente. Affidarsi al proprio istinto e al proprio sentire, entrando in connessione con la Natura e vivendo sensazioni meravigliose.

In questo video abbiamo cercato di raccogliere alcune immagini che ti permettano di calarti, anche solo per pochi istanti, in questa “realtà parallela”, così come l’abbiamo chiamata all’inzio di questo articolo.

Vivi in prima persona la magia di Pratomollo

Nonostante i nostri forzi, però, siamo consapevoli di come queste immagini da sole non possano essere sufficienti a trasmetterti tutta la magia di questo luogo e per questo ti invitiamo a scoprirlo in prima persona in uno dei nostri prossimi laboratori esperienziali.

Quando?

Consulta il nostro Calendario Eventi per sapere quando sarà il prossimo appuntamento in programma a Pratomollo, oppure viene a vivere uno dei nostri laboratori esperienziali di connessione con la Natura in una delle altre meravigliose location in cui siamo soliti organizzare le nostre esperienze.

Il Team di Forest Bathing Liguria